Gianni Sartori è uno degli animatori del Centro Studi Dialogo, un punto di incontro e dialogo fra tutte le persone che si interessano di terre e di popoli, auspicando un cambiamento delle istituzioni continentali. Scrive anche per il giornale on line “Osservatorio repressione”, per la rivista “Etnie”, per il settimanale “Riforma”, per “Quaderni vicentini”, collabora con “Ristretti” e per molte altre testate presenti nel web con invariata passione politica sempre schierato dalla parte delle comunità oppresse e perseguitate, quelle minoranze etnolinguistiche rappresentate dai movimenti che ne chiedono la tutela o l’autodeterminazione (curdi, palestinesi, azawad, baschi… indigeni del Cauca). In passato può vantare assidue collaborazioni con “Frigidaire”, “Germinal”, “Rivista anarchica”.

©EstaKrd

«Kurdistan, Kurdistan: occhi e luce dell’Iran!»

Gianni Sartori
Un punto di vista attento alle origini curde di Jîna Mahsa Amini…
diritto dei popoli all'autodeterminazione

Popoli oppressi vs cinismo tattico: quale soluzione?

Gianni Sartori
Riprendiamo sul nostro sito un articolo di Gianni Sartori pubblicato…
Gli hazara di QuettaMustafa Gulzari

Il dramma dimenticato degli hazara in Pakistan

Gianni Sartori
Emozioni elitarie ad alta quota Vuoi per “provocazione amichevole”,…
La sfida anarchica nel RojavaKamal Chomani

La sfida dei curdi è una sfida per l'umanità

Gianni Sartori
Prendiamola larga. Riguardo all'annoso dilemma se sia nato prima…
Batteria di missili S-400 in Turchia© Yuri Tuchkov

Turchia: cosa bolle in pentola con i missili S-400?

Gianni Sartori
Russia e Turchia sono potenze grandi o regionali? A voler trovare…
Nagorno Karabach Artsakhi

Strategie turche in preparazione del conflitto caucasico...

Gianni Sartori
... e considerazioni sull’esasperazione dei nazionalismi in…

Tuareg, i curdi dell’Africa?

Gianni Sartori
L'indipendenza e autodeterminazione dei popoli del Fezzan e della Nigeria passa attraverso la collaborazione tra tuareg e tebu, ma anche contro il neocolonialismo occidentale, soprattutto francese, che mira a controllare oro, uranio, petrolio, acqua e vuole imporre la sua presenza militare attraverso missioni Onu con il pretesto di combattere il jihadismo, con cui brevemente e riconoscendo l'errore il popolo azawad si era alleato nel 2013