Sahel

Sahel

Dove il deserto del Sahara non se la sente di incontrare il fiume Congo, mentre si sta mangiando il lago Ciad; dove il fiume Niger svolta di fronte al deserto, approvvigionando la striscia di terra che va dal Burkina Faso al Niger; dove il fiume Senegal rifornisce in parte le regioni a ovest, mentre il Chari fa sistema con quel che rimane del bacino del Ciad; dove gli affluenti sudanesi del Nilo stillano qualche goccia nella parte orientale della striscia subsahariana che da sempre costituisce la cerniera tra il Golfo di Guinea a sud e l’Atlante maghrebino. Lì è il Sahel, che l’incidenza del colonialismo francese ha reso inospitale, variando gli equilibri tra nomadi pastori e agricoltori stanziali.
Il Niger è navigabile, come l’Ubangi, che costituisce il collegamento col bacino del Congo. Ma il territorio di questa regione varia in base alle curve di piovosità che ne decretano annualmente la latitudine della desertificazione.

Terre (r)esistentiZhou Ruizhuang, UC San Diego Library
/
Il vecchio sogno sionista lambisce il SudanFahd Bahady
/
Eric Salerno
Geopolitica. Termine attorno al quale prolificano think-tank…
Lo Spirito del Tempo percorre il Sahara e il Sahel© Teo Tarras
/
Gianni Sartori
L'indipendenza e autodeterminazione dei popoli del Fezzan e della Nigeria passa attraverso la collaborazione tra tuareg e tebu, ma anche contro il neocolonialismo occidentale, soprattutto francese, che mira a controllare oro, uranio, petrolio, acqua e vuole imporre la sua presenza militare attraverso missioni Onu con il pretesto di combattere il jihadismo, con cui brevemente e riconoscendo l'errore il popolo azawad si era alleato nel 2013
©Marco Gualazzini
/
Lorenzo Forlani
La guerra contro la diversità intraislamica: spettacolarizzazione…
/
Luca Raineri, OGzero
Nei due anni che vanno dal maggio 2018 al giugno 2020 nel territorio…
/
Angelo Ferrari, Raffaele Masto
Boots on the ground La guerra fredda è un lontano ricordo.…