Politico-Economica

L’intrico degli interessi regionali e internazionali che grazie alle infrastrutture, alle vie di comunicazione e alle politiche sui dazi si spartiscono le risorse minerarie, i giacimenti, l’acqua nelle aree del mondo che ne sono più ricche, passando per il traffico di merci, di esseri umani e per la dipendenza dalle fonti energetiche.

© Conaie

El paro mueve (a las masas) y gana a Quito

Davide Matrone
Alle ore 14 del 30 giugno presso la Basilica di Quito Leonidas…
Dywizja Zmechanizowana (Kancelaria Premiera)

N. 20 – Polonia e Unione Europea: il segnale non intercettato dell’imminente conflitto in Ucraina

Fabiana Triburgo
I campanelli di allarme che non sono stati ascoltati erano tutti…

«Non posso accettare che dei miei concittadini sostengano la guerra»

Yurii Colombo
Le interviste qui di seguito sono state originariamente registrate…
I fiori avvelenati di Atacama

I fiori avvelenati di Atacama

Alice Pistolesi
Riprendiamo il fotoreportage realizzato da Alice Pistolesi per…
la strategia del granoMatyas Rehak / Shutterstock

La strategia del grano

Angelo Ferrari
Sulla scorta della proverbiale definizione di “granaio del…
Accordo di EscazúCepal

Società civile e popoli indigeni: protagonisti dell’accordo di Escazú

Susanna De Guio
L’America Latina e il Caribe compongono una delle regioni del…
©Novatek

Risorse e rotte artiche in tempo di guerra

Alessandra Colarizi
L'inviato speciale Ue per l'Artico, Michael Mann ha commentato…
diritto alla mobilità

n. 18 – Tra mare e boschi alpini. La frontiera che uccide (II)

Fabiana Triburgo
Movimenti secondari dei flussi migratori si riscontrano, oltre…
MacDonalds

La guerra non ha il congiuntivo, ma l’economia sì

Yurii Colombo
Dichiarata la guerra il suo banale corredo è intriso di propaganda,…
il gioco delle parti

Il “nuovo” ordine mondiale e il gioco delle parti da Astana a Kyiv

OGzero
Confrontandoci tra complici di “OGzero” sulla complessa situazione…
La posizione di Ankara nel conflitto russo-ucraino

La guerra in Ucraina cambierà le scelte di Ankara?

Murat Cinar
Mar Nero settentrionale con la tatara Crimea; Mar Nero meridionale…
Sana'a come si presentava nel febbraio 2011©Javarman

Aden, Arabie: opposte visioni del mondo collidono

Carlotta Caldonazzo
L’annosa crisi yemenita affonda radici in un passato, dove…

La distribuzione delle armi ai patrioti

OGzero
Non è compito, né obiettivo di OGzero riportare notizie, anche…
Cambi della guardia in Africa

Cambi della guardia in Africa, e la Russia suona Wagner

Angelo Ferrari
In un quadro che vede il ritiro dell’“Impero francese”…
il Bitcoin divideFonte: Architectura viva

Bit & Coin: la geostrategia criptata

Claudio Canal
Una cosa è certa: il Bitcoin divide. Da una parte ci sono quelli,…

Le divergenze parallele nei piani sino/russi per l’Africa

Alessandra Colarizi
I rapporti tra le potenze globali s’improntano alla “differenziazione”…
Fine operazioni neocoloniali francesi in Sahel© Nato/Otan

Убирайся est le mot pour: “dégage!“

Angelo Ferrari
Rimuginando in quell’angolo estremo del lungo tavolo moscovita…
Gli iraniani cercano casaBalkansCat / Shutterstock

Gli iraniani cercano casa, in Turchia

Marina Forti
Il governo Raisi fronteggia una forte emigrazione di cittadini…
Che ci fa la Turchia in Ucraina?Seneline /Shutterstock

Che ci fa la Turchia in Ucraina?

Murat Cinar
Il presidente della repubblica di Turchia, Recep Tayyip Erdoğan,…

La terra, il petrolio e il conflitto

Tullio Togni
Luz Marina Arteaga Il corpo di Luz Marina Arteaga è stato ritrovato…
Barkhane in Mali 2015©Fred Marie

Un Sahel di spine per Macron. Mali e Françafrique

Angelo Ferrari
Il Sahel in generale e il Mali in particolare è un’espressione…
non siamo terroristi, siamo il popolo

Kazakhstan. La rivolta che montava da tempo inaugura il 2022

Yurii Colombo
Nel Kazakistan dell'ultimo capo del Pcus locale, sopravvissuto…
Pichimá Quebrada@ContagioRadio

La Colombia della “pace”

Tullio Togni
A 5 anni dagli Accordi di Pace fra il Governo Santos e la guerriglia…

Geova: repressione organizzata, discriminazione e pugno di ferro

Yurii Colombo
La situazione contraddittoria dei Testimoni di Geova tra persecuzioni,…

Potenze coloniali, mandarini e conseguenze di lungo periodo

Eric Salerno
All'inizio della fine dell'Impero ottomano  scoviamo in un'intuizione…
L’operazione Aukus

Aukus: la Cina pesa pro e contro

Alessandra Colarizi
L’operazione Aukus è l’essenza della strategia geopolitica…
la lenta decadenza dello zar

La lenta decadenza dello zar tecnologico

Yurii Colombo
Malgrado è la congiunzione più usata in questo articolo che…
Khyber PassEric Salerno

Khyber Pass: orizzonti perduti, orizzonti ritrovati

Eric Salerno
Per concessione dell’autore e dell’Atlante delle Guerre pubblichiamo…

Syngué sabour: appunti per un’Orestiade afgana

OGzero
L'Occidente non ha mai compreso l'area centrasiatica, perché…

Asean tra decimazione pandemica e decrescita tradizionalista

Massimo Morello
Covid, golpe birmano, repressione thailandese: elementi di stravolgimento…

Raisi, il Giudice senza grazia

Marina Forti
Non c’è luna di miele per Ebrahim Raisi, insediato il 5 agosto…
Esercitazioni congiunte Repubbliche ex sovietiche del Sud

Timori e prospettive russe ai suoi confini meridionali

Yurii Colombo
Per la Russia il Centrasia è il cortile di casa. Putin, durante…

Un gioco è bello quando dura poco. Report dal confine bosniaco-croato

Simone Zito
Proponiamo questo reportage sulla situazione dei migranti al…
gli spunti di analisi degli “stan“

Gli sguardi centrasiatici sul paese al centro dell’Asia centrale

Sabrina Moles
“Belt and Road Watcher” è la fonte originale che ha assemblato…
il camaleonte di Managua

Il Camaleonte di Managua

Alfredo Luís Somoza
Dopo lo sguardo su Haiti – post Moïse – e Cuba – dopo…
la soluzione al caos libicoMichael Wick

n. 11 - Cosa può fermare il caos libico?

Fabiana Triburgo
Questo saggio dedicato alle rotte nordafricane appartiene alla…
Afghanistan: il quadro interno

Afghanistan: il quadro interno e le forze in campo

Emanuele Giordana
L’arduo compito di valutare la situazione attuale tra le varie…
Afghanistan: l'instabile cortile di Pechino

Afghanistan: l’instabile cortile di Pechino in Asia Centrale

Sabrina Moles
Il ritiro americano dei Boots on the afghan Ground somiglia un…
Astana è realmente tramontata?Karl Allen Lugmayer

Kabul post-Usa: il Cremlino corre ai ripari in Centrasia

Yurii Colombo
Il punto di vista di Yurii Colombo sulla situazione che la Russia…